Skip directly to content

Hallenstadion - June 29, 1980

  • Train Kept a Rollin', Nobody's Fault But Mine, (Out On the Tiles intro) Black Dog, In The Evening, Rain Song, Hot Dog, All My Love, Trampled Underfoot, Since I've Been Loving You, Achilles Last Stand, White Summer ~ Black Mountainside, Kashmir, Stairway to Heaven, Rock and Roll, Heartbreaker.
srapallo's picture
on September 23, 2007 - 9:04am
Rate this show: 
Average: 4.4 (142 votes)
June 29, 1980
Zurich
Switzerland
ch
Setlist: 

Train Kept a Rollin', Nobody's Fault But Mine, (Out On the Tiles intro) Black Dog, In The Evening, Rain Song, Hot Dog, All My Love, Trampled Underfoot, Since I've Been Loving You, Achilles Last Stand, White Summer ~ Black Mountainside, Kashmir, Stairway to Heaven, Rock and Roll, Heartbreaker.

Setlists: 

Train Kept a Rollin', Nobody's Fault But Mine, (Out On the Tiles intro) Black Dog, In The Evening, Rain Song, Hot Dog, All My Love, Trampled Underfoot, Since I've Been Loving You, Achilles Last Stand, White Summer ~ Black Mountainside, Kashmir, Stairway to Heaven, Rock and Roll, Heartbreaker.

Comments

Raoul's picture

Don't remeber a lot... but well remember to start crying with "Stairway to Heaven". Raoul from Modena - Italy

Joe Mueller's picture

Remember it well. As I get older, I realize how lucky I am to have seen Led Zep with John Bonham. Robert Plant was in fine form that night. Very talkative.

Primo's picture

Sapevo di questo concerto da calendario pubblicato su rivista Ciao2001 (ricordate?) ..contatto agenzia Vaccari la quale organizza trasferta e biglietti x concerto. Unica apparente difficoltà 3 giorni dopo inizio gli esami di maturità!!! Ma nn rinuncio parto il 28.06, in treno da Roma x Reggio Emilia, la mattina del 29 si parte x Zurigo, tempo e caldo estivo, invece mentre si valica le Alpi freddo e neve!!
Fuori dell' Hallestadion (un palazzetto) vedo arrivare con i loro motociclettoni il servizio d'ordine degli Hells Angels. All'entrata pretendono tutto il biglietto ..ma mi oppongo fingendomi un fotografo (avevo borsa rigida da reporter) ..quindi conservo biglietto!!
Ricordo che prima dell'inizio del concerto ..arriva sul palco J. Bonham con giaccone di pelliccia e cappellone da cowboy ..e abbozza alla batteria una rullata che accende la miccia!!
Inizia il concerto tutti elegantissimi ma capelli lunghi anni '70, quasi irriconoscibile J.P.Jones, capelli corti con una nuova pettinatura all'indietro.
Sul palco gli strumenti hanno lo stretto necessario ..visibili i distorsori a pedale (niente eletronica).
Avevo 17 anni ed ero in compagnia di 2 amici più grandi che avevo convinto a partire; dopo un paio di canzoni gli dico: 'Sono identici ai disco'!! Risposta: 'i Zeppelin rompono il culo ai passeretti'!!!'
Scaletta del concerto include principalmente i brani dell'ultimo album 'In through the out door' ..nel finale tutti richiedono bis con 'Whole lotta love' ..e invece a sorpresa 'Heartbreaker' la mia preferita!!
Torno a Roma appena in tempo x il tema di maturità con il concerto che mi riecheggia nelle orecchie!! ..a settembre ad un tg apprendo la notizia della morte di J.Bonham ..i Led Zeppelin si sciolgono!!
Posso dire di averli visti e ascoltati dal vivo!!!

Argenteum Astrum's picture

One of the best shows from the 1980 tour, this show has a great version of Heartbreaker and The Train Kept a Rollin'. Jimmy flashes between inspired playing and getting his fingers caught in the strings. The rest of the group play well and seem to be having fun, although they totally botch Kashmir. That caused Plant to commented it: "If anybody's bootlegging that, you'll have to scratch that number cause wasn't completely correct - somehow we got through it." Robert's voice is in great shape.

gopal duggirala's picture

the song "achilles last stand" was the best one out of all ,played that day. jimmy page truly brought out his real guitarship.it was as if the guitar was singing.i still hear the orginal concert song,by the sound of it the crowd was going crazy.robert rocked!! and the way the crowd chanted his name after they finished the song!!!!.actually i was'nt born by that time,but if ever i get a chance to go back in time ,my first stop 06/29/80 !!!achilles last stand!!!

roberto ciambrone's picture

two days after seing Bob Marley in Milan, aged 16, I took a bus on a trip organized by "l'altraradio Milano" together with Luca Risari (Luca what happened to you?). once we got to Zurich guy was dropped at Hallenstadion to get the ticket, but the (8) buses could not stop so moved away to find some parking lots. sadly enough once the guy had picked up the ticket and turned around we were out of sight and he found himself alone with some 400 hundred tickets ! eventually he got to the buses, where the crowd was roaring, and we run, in the heavy rain, to the hallenstadion. as we got in the stadium the light went down. I remember elbowing right to the stage, together with two other guys who I got to know during the trip - wonder what happened to them, one was a supporter of Fiorentina, the soccer team, the other a fan of Van Halen (who played all night long during our trip back over the Gottard pass) - but then having to step back some meters as the pressure was unbearable. what can I say about the concert but that Zep where great ? only thing I remember of the trip back to Milan was the girl to let me sleep on her lap

Patrick Herr's picture

It was a special year. First, we lost Bon Scott of AC/&DC (having seen them in 1979, just weeks before he died). Then I went to see Led Zep shortly after John Bonham died. WTF!

Been to hundreds of concerts later, but this one will ever be one of the Top-Ten-Special-Ones. For many reasons.

I was 16 and went to the concert with my brother (15). It was magic. And there was so much dopesmoke in the air, that the girl in front of us passed out and fell in my brothers arms. I remember being a little disappointed, cause the band did not play Whole Lotta Love. But again: It was absolutely magic, seeing and hearing one of the best bands ever. Thank you guys.

herve basset's picture

A so/so gig that reached some amazing highs (Achilles , Nobody's fault) and some horrific lows (Kashmir) . Even "since I've been lovin' you was shaky . However Plant and Bonham were on top form . Especially Plant who was really babling on stage and having a lot of fun . Jimmy was going from one extreme to another . Definitely not one of Jonesy best performance . All in all it was a good and funny show with the new songs being performed and a relatively quiet crowd .
Herve

John 's picture

Ears rang for 3 days afterwards! Led Zepp at their best. A privilege to be there.

Name's picture

Hy Herve

I am a Journalist, writing about the concert of led Zeppelin in 1980 in Zurich. Can your give me some more details of the concert?

Best regards
Mariel

Niccolò's picture

I was there!!! A 20 years old fan from Italy.
It will be for ever my Mythological concert.
The alpha-omega musical event .
The beginning and the end of it all.
...and when Jimmy was on the stage with the double neck guitar the crowd went crazy....we all knew the it was the time for the song...that song....the lady..the piper..the laughter...to be a rock and not a roll....

Keep on rockin' Led Zep!

Suzy's picture

I too was there ! A very young 15 something and I had just seen Bob Marley at the Milan arena- a very epic summer indeed!! Loved, loved loved, Led Zep!

Luc's picture

I share your opinion about this concert.
But anyway it was a great moment to watch them live at that time.

antonio's picture

C'ero anche io quel giorno, era la cosa che deideravo di piu nella vita,assistere a un concerto degli zeppelin, Mi ricordo tutto di quel giorno, purtroppo i bliglietti erano insufficenti per tutte le persone , cosi si era costretti una volta entrati a restituirli ai rodyes (tra la ltro dei grossi bastardi..) quindi purtroppo non l ho potuto conservare. Il concerto fu magnifico ed erano tutti in grande forma, anche se il vecchio Bonzo evitò alcuni passaggi classici del suo drumming per questo dico che sono stato molto fortunato a vivere quella giornata indimenticabile
lunga vita ai led zeppelin!!!
by
antonio

Antonio Rambaldi's picture

Per Antonio
Anch'io (Antonio come te) c'ero e ricordo la fatica fatta per avere il biglietto e la delusione che saliva al cuore nel saperli esauriti. Ricordo che costava 12 franchi svizzeri (circa 6000 lire) e che i bagarini all'uscita rivendevano a 25 e poco prima del concerto anche 50. Ricordo dei ragazzi di Foggia che si sono venduti le scarpe dicendo che dopo un viaggio simile non potevano tornare senza vederli. Ricordo la tensione di fronte afli Hell's Angels del servizio d'ordine. Avevo 18 anni e tre giorni prima avevo visto Bob Marley (e Pino Daniele) a San Siro insieme a 100.000 persone, 8 ore di concerto per 4.000 lire. Avevo l'Inter Rail Card valida un mese, pochi soldi da gestire e volevo girare l'Europa. Stavo per rininciare al concerto, dopo aver passato due notti col sacco a pelo davanti a quel maledetto ingresso dal quale non mi facevano entrare. Ero ormai rassegnato ad ascoltarli da fuori, quando, pochi secondi prima dell'inizio ho saputo che avrebbero rivenduto alcuni biglietti al prezzo originale di 12 franchi. Mi sono infilato davanti alla cassa, ho pagato e dopo essere entrato ho dovuto restituire il biglietto (che hanno poi rivenduto a qualcun altro?). Ma chi se ne fregava, ero dentro e il concerto stava iniziando. Ricordo altre cose, momenti del concerto e la notte passata a Zurigo, ma sarà per un'altra volta. Ciao ad Antonio e a tutti quelli che c'erano da Antonio

Amos's picture

 

Commento un  po' lungo, ma se trovate 5 minuti del vostro prezioso tempo ve ne sarò grato.

 

Eravamo io, il Paco (chitarrista dei Raw Power), mio fratello e l’amico metallaro Figus.

 

20 anni compiuti, week end (28-29 giugno 1980) che rimarrà scolpito nella mia mente per tutta la vita.

Partenza sabato mattina da Poviglio di Reggio Emilia direzione Stadio Comunale di Torino; abbiamo in tasca il biglietto per il secondo (e ultimo) concerto di Bob Marley in Italia.

 

Non è il nostro genere, ma Marley, anche dall’alto dei tre metri di palco che ha preteso per questioni di sicurezza (allora i concerti in Italia non godevano di una gran fama), è davvero trascinante!!

 

Ore 23 circa, saliamo in macchina, cartine (stradali) alla mano e dal centro di Torino proviamo a dirigerci verso Zurigo. Chiediamo ingenuamente la strada ad un poliziotto (bell’età 20 anni…) e se allora fosse esistito l’etilometro, quella strana domanda, anche da sobri quali eravamo, ci avrebbe probabilmente fatto perdere molto tempo per le spiegazioni agli agenti.

 

Notte di giugno “svizzera” passata in sacco a pelo invernali sotto la pensilina di una stazione di servizio di quella autostrada tra le montagne. Arrivo a Zurigo verso ora di “pranzo”.

 

Chiediamo per l’Hallenstadion ed il passante, guarda a caso di origine italiana, è super entusiasta nel darci una dritta perfetta (manca poco che non venga là con noi).

 

Davanti allo Stadion c’è già movimento ed una strana tensione, capiremo dopo il motivo.

 

Biglietterie ancora chiuse, Hell’s Angels dappertutto, molta gente (noi compresi) senza biglietto.

 

Il concerto è previsto per le 19. Inizia la calca davanti alle biglietterie che invece di essere i soliti botteghini piccoli e separati sono sostituite da una lunga e altissima grata in ferro simile alla gabbia dei leoni di un circo. Gabbia a parti invertite però: noi tutti (le belve senza biglietto) fuori, gli spettatori (i bigliettai un po’ tesi) dentro.

 

Arrivano i primi bigliettai con in mano mazzette di tickets. Partono tutti i leoni contro la gabbia tenuti a bada in qualche modo dai cazzuti, attenti e truci Hell’s Angels in versione security/domatori.

 

Alcuni minuti di ressa, biglietti finiti. Due terzi, forse tre quarti dei leoni rimasti senza biglietto; Hell’s pronti a scattare addosso al primo genio che si mettesse in testa di protestare. Ci dicono in un inglese molto sintetico e con aria tesa: “Calma arrivano altri biglietti!!”. (Era chiaro che protestare o contraddirli significava complicarsi di molto quella breve permanenza a Zurigo).

 

Truci ma sinceri, dicevano la verità. Erano in arrivo altri biglietti.

 

Capisco al volo come funziona (la Svizzera non era poi così diversa dall’Italia). Parto come un razzo contro la grata, sgomito, scavalco, spingo, vengo spinto, passo sopra, mi pressano, non mollo e torno con 4 biglietti prima del successivo time out. Super festeggiamento a quattro tra l’invidia di chi è rimasto senza. Mi fanno un offerta di acquisto (ora la chiamano OPA); piuttosto vendo i genitori, la nonna ed il gatto.

 

Col tempo si verrà poi a sapere che comunque poche persone erano rimaste fuori da quel concerto. Mi crogiolo: i lividi, per quei biglietti, che mi sono trovato addosso dopo la lotta in quella calca avevano veramente un valore enorme.

 

Ci avviamo all’entrata, doccia fredda !

Gli Hell’s Angels non ti strappano il biglietto, lo vogliono tutto!!  Io e il Paco proviamo a chiedere, implorare di lasciarci la parte che ci spetta. Ci guardano e ci rispondono come se avessimo chiesto loro di levarsi la giacca in pelle nera. Desistiamo ed entriamo a mani vuote.

 

Per gli Zeppelin si fa anche questo.

 

Ndr: a distanza di anni il forte sospetto di vendita e rivendita degli stessi biglietti quale compenso extra per pochi Hell-etti è venuto a tutti. Mi era tornato in mente anche che quei quattro biglietti così faticosamente acquistati erano già spiegazzati (Mi ripeto: Zurigo non era poi così diversa dall’Italia).

 

Entrati nel velodromo ci perdiamo quasi subito. Non importa, ci ritroveremo all’uscita nei pressi dell’auto (il cellulare, che inutile invenzione!).

 

Io mi ritrovo solo di fianco ad una tedesca troppo bella e troppo sorridente, ma con il fidanzato troppo grosso; decido di seguire il concerto (In effetti ero venuto fino a Zurigo per questo).

 

Inizia il concerto. Lo Stadion stracolmo è una bolgia. Sono rapito dall’evento, quasi in trance (ma non come Lapo). Seguo, ascolto, canto, urlo, salto.

 

Non sono tutti brani che conosco, che mi aspettavo, ma va bene così.

 

Circa a metà concerto Robert Plant urla al pubblico “Thank you!”, boato di risposta; poi urla “Danke!” secondo boato simile.

 

Infine gli salta in testa di urlare “Grazie!”. Esplode lo Stadion !! Siamo quasi tutti italiani!!

 

Robert si ferma, fissa il pubblico e ripete “Grazie!”. Seconda esplosione, ancora più forte.

 

Forse in quel momento intuisce che al Vigorelli, nove anni prima, Led Zeppelin e Italia non si erano proprio capiti, ma ormai era tardi. E dopo la tragica morte di Bonham, avvenuta solo qualche settimana dopo e la conseguente interruzione del tour, nulla sarebbe stato più come prima.

 

Finisce il concerto ufficiale, il pubblico vuole i bis. Loro si fanno attendere un po’ troppo. Tutto il pubblico nel velodromo (con le tribune in legno) comincia a urlare e saltare per riaverli fuori. Le tribune ondeggiano sembra che tutto lo Stadion si stia muovendo. Non so se sono più emozionato o impaurito da quel movimento tellurico artificiale. Per fortuna escono e iniziano a suonare i bis. Strepitosi !! (Lo so, sono di parte).

 

All’uscita trovo il Paco, ormai votato, convinto sull’hard core punk fino al suo ultimo giorno del 2002, si lagna per i troppi brani lenti messi nella play list. Noi tre invece, che stavamo sul genere più “melodico” (vedi: Zeppelin, Who, Hendrix, Doors, AC/DC), ci sentiamo molto soddisfatti.

 

Avevamo avuto l’unica opportunità della nostra vita per vedere un concerto dei Led Zeppelin con il line up originale e non ce la siamo lasciata scappare.

 

Grazie di esistere Zeppelin. La fine naturale a cui nessun essere umano può sottrarsi non vi cancellerà. Voi siete il Rock (‘n Roll).

 

Paco ovunque tu sia da quel maledetto 6/10/2002 so che, su questo, sei d’accordo con me….

 

Grazie per l’attenzione.

amosvecchi@alice.it

bruno's picture

Grazie <3 grande emozione, sono partito da Milano in pulman organizzato, viaggio meraviglioso, e concerto indimenticabile.

Mauricio Cardiel Jimenez's picture

One of the most exited, important concerts in mi life, I love music and Zepp is one of the bands

That inspired me to be a guitar player and I will keep these day as one of the most happy days of mine

Lobo's picture

This was my first live concert and I enjoyed it together with good friend!

EDGARDO's picture

GREAT BOOT SHOW "Complete swizer show"

Post new comment

Plain text

  • Web page addresses and e-mail addresses turn into links automatically.
  • Lines and paragraphs break automatically.
Refresh Type the characters you see in this picture. Type the characters you see in the picture; if you can't read them, submit the form and a new image will be generated. Not case sensitive.  Switch to audio verification.
[{"parent":{"title":"Get on the list!","body":" Get exclusive\u00a0official\u00a0Led Zeppelin news and announcements. ","field_newsletter_id":"9697319","field_label_list_id":"5720","field_display_rates":"0","field_preview_mode":"false","field_lbox_height":"","field_lbox_width":"","field_toaster_timeout":"60000","field_toaster_position":"From Top","field_turnkey_height":"1000","field_mailing_list_params_toast":"&autoreply=no","field_mailing_list_params_se":"&autoreply=no"}}]

Comments

GREAT BOOT SHOW "Complete by EDGARDO (not verified)
Led Zeppelin - Best Band ever! by Lobo (not verified)
Grazie <3 grande emozione, by bruno (not verified)
Special, very special by Patrick Herr (not verified)
Sapevo di questo concerto da by Primo (not verified)
Was there, too. by Raoul (not verified)
Ears rang for 3 days by John (not verified)
I share your opinion about by Luc (not verified)
Led Zeppelin, 1980, Zurich by Name (not verified)
who was there from Milan, Italy ? by roberto ciambrone (not verified)
I too was there ! A very by Suzy (not verified)
C'ero anch'io by Antonio Rambaldi (not verified)
C'ero anche io quel giorno, by antonio (not verified)
Remember it well. by Joe Mueller (not verified)
zep in zurich by herve basset (not verified)
achilles last stand. by gopal duggirala (not verified)
I was there by Niccolò (not verified)